Senza categoria

20220331_105059

Riccardo Camuso si qualifica per i trials canadesi

 

 

Thumbnail

Nei  Campionati provinciali del British Columbia di inizio marzo il nostro Riccardo Camuso, tesserato per il VPSC (Vancouver Pacific Awim Club),  ha vinto quattro medaglie individuali nella categoria 18 and over (senior), tra queste  quella di campione  nei 200 dorso! Medaglia di bronzo nei 50, 100 dorso e nei 200 stile.

Thumbnail

Grande soddisfazione anche perchè nei 50 dorso ( 26″725) e nei 50 farfalla (25″65)  il nostro Ricky ha staccato i pass per i Trials canadesi in programma  a inizio aprile e per il Western Championship che si terrà ad Edmonton in Alberta alla fine di fine aprile.Thumbnail

Thumbnail

Allegati:

lorenzo-pignotti-campione-italiano-50-dorso-cadetti-criteria-2022

Lorenzo Pignotti Campione Italiano Categoria Cadetti nei 50 dorso, vice campione nei 100 farfalla e medaglia di bronzo nei 50 farfalla

Nella prima giornata dei Criteria Nazionali Giovanili sezione maschile è stata una  gara emozionante quella che ha portato Lorenzo sul gradino più alto del podio categoria Cadetti dei 50 dorso.

Ottima partenza con stacco a  0″56,  Lorenzo perde qualcosa nella prima vasca ma con una grande subacquea esce primo dalla virata, mantiene il distacco e tocca per primo: Campione Italiano Cadetti in 24″39, grande soddisfazione e nuovo record sociale!

Thumbnail

Sempre un’ottima sub ha consentito a Lorenzo di agguantare la medaglia di bronzo dei 50 farfalla nella seconda giornata di gare.

Thumbnail

Nel pomeriggio altra medaglia sulla doppia distanza, il crono di 52″80 lo fa salire sul podio dei 100 farfalla, medaglia d’argento, altra soddisfazione per lui e per l’allenatore Beppe Longinotti.

Thumbnail

A completare la partecipazione a Riccione dell’atleta  Aly Sport Malaspina due ottimi piazzamenti nei 50 e nei 100 Stile libero: settimo nei 50 in 22″49 e ottavo nei 100 in 49″38.

Meno felice la sortita riccionese di Elisa Pignotti. Arrivata a Riccione dopo l’influenza Elisa ha dovuto rivedere al ribasso le ottime aspettative con cui si presentava ai Criteria.

Nonostante questo ha lottato e ottenuto un  ottimo piazzamento nei 50 dorso, settima in 28″91. Ha patito invece le gare più lunghe dei 100 dorso, 100, 200 e 400 stile libero per le quali si era qualificata ai primi posti. Forza Elisa sarai in splendida forma per i Campionati Assoluti di aprile!!

 

Allegati:

whatsapp-image-2022-03-29-at-06-54-55

Mattia Dominelli, Jacopo Caggiani e Giulian Serra qualificati ai Campionati Regionali Esordienti A

I nostri giovani Mattia Dominelli, Jacopo Caggiani e Giulian Serra si sono qualificati per le finali dei  Campionati Regionali Invernali Esordienti A.

Nei fine settimana del 2-3-9 e 10 Aprile Mattia Dominelli sfiderà i big regionali nei 100 stile e nei 100 e 200 dorso, Giulian Serra parteciperà invece alle finali dei 100 dorso e dei 100 stile, Jacopo Caggiani sarà in vasca con i compagni nei 100 stile.

Forza ranocchi!

Jacopo Vascotto, Amelia Spolidoro e Lorenzo Pignotti alla SWIM MI CUP

In gara alla SWIM MI CUP 2022

Un piccolo gruppo di nostri atleti ha partecipato sabato 19 marzo alla SWIM MI CUP Night Edition, trofeo natatorio ad ammissione che per molti atleti ha fatto da  test della  condizione fisica a poche settimane dal Campionato Italiano Primaverile in programma nel mese di  aprile.

La manifestazione si è svolta in “notturna” nell’affascinante piscina del Bocconi Sport Center, finalmente una bella piscina olimpionica coperta a Milano con 10 corsie e  blocchi di partenza di ultima generazione.

Alla presenza del pubblico, riammesso in piscina dopo  due anni di astinenza, è stata notevole la parte di spettacolo con giochi di luci, musica e grandi campioni tra i quali spiccavano i medagliati olimpici  Alessandro Miressi e Nicolò Martinenghi ma anche i paralimpici  Carlotta Gilli, Giulia Terzi, Simone Barlaam e il ranocchio Stefano Raimondi che è tesserato FIN Malaspina -Aly sport ma sabato ha gareggiato con i colori del Verona Swimming Team (FINP) nelle gare paralimpiche  vincendo i 50 farfalla  in 25″12  e arrivando terzo nella doppia distanza in 55″56.

il podio dei 50 farfalla  paralimpici premiati da Filippo Magnini: Stefano Raimondi vittorioso al centro!il podio dei 50 farfalla paralimpici premiati da Filippo Magnini: Stefano Raimondi vittorioso al centro!

Una bellissima esperienza per i nostri ragazzi che si sono espressi bene:   Chiara Capotosti è giunta ottava in 28″49 nei 50 farfalla vinti da Ilaria Bianchi, Elisa Pignotti undicesima in 30″63 nei 50 dorso  vinti da Silvia Scalia e dodicesima nella doppia distanza in 1’06″54.

Amelia Spolidoro è giunta settima nei 50 rana in 34″26, Lorenzo Pignotti ottavo in 23″51 nei 50 stile libero e sesto in 51″88 nei 100 stile libero vinti da Alessandro Miressi, Nicolò Di Iasio quindicesimo in 24″11 nei 50 stile e con 53″10  nei 100 mentre nelle stesse gare   Jacopo Vascotto è giunto ventesimo in 24″45 e sedicesimo in  53″33  nei 100. Ventiduesima piazza  con 24″68 per Michele Baggi nei 50 stile e undicesima per Samuele Caroli  nei 50 farfalla chiusi in  25″67.

Allegati:

temcalviellousa

Nuotare in High School: Matteo e Tommaso Calviello negli USA

Stiamo al momento frequentando il quarto anno di liceo come foreign-exchange students presso Valley High School in West Des Moines, Iowa, USA: quello che, nel sistema americano è il senior year, ovvero l’anno del diploma.

Le differenze fra il sistema americano e quello italiano sono tantissime sia per la scuola che … per il nuoto.

Appena arrivati, in Agosto 2021, abbiamo cominciato a nuotare per una squadra privata, la CIA (Central Iowa Aquatics), nell’attesa che in Novembre cominciasse la stagione di nuoto di high school.

Per la CIA, l’organizzazione e l’esperienza è molto simile a quanto eravamo abituati, con la differenza che le gare sono più intense, dovendo partecipare a circa 6-7 eventi individuali e a 4-5 staffette per gara e i doppi allenamenti si svolgono sempre almeno 3 volte alla settimana.

A novembre abbiamo cominciato l’esperienza di nuoto a scuola, con i Valley Tigers. La squadra maschile è composta da circa 40 atleti, suddivisi in Varsity (prima squadra), Junior Varsity o JV (seconda squadra), etc., per dare la possibilità di nuotare a tutti gli studenti della high school che lo desiderino (lo stesso vale per tutti gli altri numerosi sport praticati a scuola).

L’accesso alla squadra Varsity è stabilita nei try-outs in base ai tempi: gli atleti Varsity quest’anno erano 18, la maggioranza seniors (studenti di 4° anno) ed una minoranza composta da juniors, sophomores e freshmen (studenti rispettivamente del 3°, 2° e 1° anno).

La differenza principale rispetto al nuoto in Italia cui eravamo abituati è la dimensione di squadra: nei campionati di high school gareggia la squadra, non l’atleta a livello individuale. Quello che conta è il numero di punti che ciascuna squadra riesce a guadagnare: ciascun atleta gareggia sia negli eventi individuali che nelle staffette per portare punti alla squadra.

Questo incentiva un cameratismo ed uno spirito di squadra molto forte: siamo finiti a trascorrere molti pomeriggi e sere libere dei week-end con gli altri atleti Varsity, a fare colazione fuori insieme dopo gli allenamenti del sabato, etc.; insomma, per i mesi in cui si nuota, la squadra di nuoto diventa la tua seconda famiglia!

Da un punto di vista atletico, nuotare in high school è molto impegnativo e richiede un forte supporto delle famiglie: noi siamo stati fortunati, in quanto il nostro host-brother – figlio della famiglia che ci ospita – nuota con noi in Varsity senior nella nostra stessa High School.

Nella settimana tipo ci sono 2 allenamenti di nuoto al giorno (tranne il sabato in cui ci si allena solo la mattina) e 3 sessioni di pesi in palestra: il primo allenamento è dalle 5:30am (sveglia alle 5…) alle 7:30am subito prima di scuola, il secondo appena finito l’orario scolastico dalle 3:45pm alle 6:00pm.

Fortunatamente la piscina e la palestra sono all’interno dell’edificio scolastico. Le famiglie degli atleti a rotazione portano la colazione (per tutta la squadra, inclusi allenatori e staff) a bordo piscina, in modo che tutti noi possiamo fare colazione insieme tra la fine degli allenamenti e l’inizio delle lezioni. Inoltre, la sera prima di ogni gara o swim meet, tutta la squadra si riunisce e cena insieme a casa di uno degli atleti; potete quindi capire l’impegno richiesto alle famiglie ma anche come tutto ciò influisca sullo spirito e la dimensione di squadra!

Nella prima parte della stagione ci sono 1 o 2 gare a settimana; sono eventi di tipo “dual meet” ovvero competizioni dirette tra 2 scuole, nelle quali vengono assegnati punti utili per la graduatoria dello Stato (un po’ come il campionato di calcio): questo ovviamente negli anni ha fatto nascere rivalità e tattiche da parte degli allenatori. Queste sono gare “veloci”, massimo di 2 ore in cui ogni atleta nuota 3 o 4 eventi.

Successivamente si sono disputate le finali distrettuali – in contemporanea in 8 piscine si sono confrontate 6 High School per piscina (ogni stato è diviso da un punto di vista sportivo in vari distretti) – che possono essere un po’ considerate le semifinali di Stato; con i Valley Tigers ci siamo aggiudicati il titolo di District Champions, evento che non avveniva da 16 anni!

In base ai tempi nuotati durante la finale distrettuale, i primi 32 nuotatori di ogni evento (50, 100, 200 e 500 stile, 100 dorso, 100 farfalla, 100 rana, 200 misti e staffette) si qualificano alle finali di Stato, che è l’evento culminante della stagione, un po’ l’equivalente dei Regionali in Lombardia. Ogni squadra può portare al massimo 13 atleti… e noi siamo riusciti a qualificarci tutti e 13, cosa di solito molto rara!

In preparazione di questo eventi si seguono “rituali” messi a punto negli anni: innanzitutto 3 settimane prima delle finali tutti i nuotatori si fanno “biondi” durante una cerimonia – il team-bleaching: la squadra che partecipa alle finali distrettuali sembra di solito – e anche quest’anno – una squadra scandinava! Poi un paio di giorni prima delle finali di stato, durante la cena di squadra, tutti i nuotatori qualificati per le finali di Stato si rapano a zero come segno dell’impegno e determinazione che vanno a profondere nelle gare.

Questi eventi sono molto sentiti anche da tutti gli altri studenti (per dare un’idea a Valley High School ci sono più di 2 mila studenti) e sono evidenziati nei notiziari  e nei media interni della scuola: molti studenti vanno a vedere le gare di nuoto importanti e fanno il tifo per la propria squadra, ”Go Tigers!” – soprattutto le nuotatrici del Varsity femminile che finiscono la stagione proprio quando inizia quella maschile (ovviamente i nuotatori supportano la squadra femminile appassionatamente durante la loro stagione!).